15/4/2020 L’Arena
MERCOLEDÌ 15 APRILE 2020

Riparte la produzione ma l’assemblea dei soci di maggio è cancellata
VA.ZA.

Gruppo Manni alla ripresa delle attività, in sicurezza. Tutte le divisioni hanno predisposto e messo in atto misure di gestione dell’emergenza sanitaria e protezione dei dipendenti, per tornare a rispondere alla richiesta delle imprese clienti e alle commesse dalle filiere rimaste produttive. Da ieri, inoltre, sono stati riaperti i magazzini per la spedizione di materiale in giacenza alla chiusura delle attività, che risale al 23 marzo.Per compiere in sicurezza il primo passo parziale verso la normalità, come evidenzia il ceo, Enrico Frizzera, sono state mappate le mansioni dei lavoratori e individuati i profili aziendali che potranno procedere in telelavoro; adottate iniziative per ridurre gli spostamenti e istituito un team multidisciplinare per la riduzione del rischio di contagio, con l’adozione di best practice, revisione dei flussi gestionali e organizzativi e aggiornamento delle informazioni fornite ai lavoratori. Intanto, le società della holding, dedite a produrre semilavorati in acciaio (Manni Inox e Manni Sipre, ndr) hanno ricevuto richieste di forniture per filiere di attività essenziali, in particolare in ambito sanitario, per alimentare la produzione di macchinari e arredi. «Con il piano di messa in sicurezza dei luoghi di lavoro e dei dipendenti è possibile tornare a produrre per rispondere alla richiesta, assicurando il nostro contributo al superamento della crisi», afferma Frizzera. «Inoltre, in linea con le prescrizioni del Dcpm del 10 aprile, il Gruppo si sta attrezzando per la ricezione e spedizione del materiale in magazzino». Già questa mattina è previsto l’arrivo dei mezzi di clienti e fornitori per il ritiro di materiali e lavorati fermi nelle sedi italiane, in attesa che arrivasse lo sblocco.L’emergenza, infine, fa saltare un appuntamento consolidato e atteso, tanto più quest’anno, in cui si sarebbe celebrato un compleanno importante. Il 26 maggio era programmata l’assemblea aperta a tutti gli stakeholder di Manni Group, per i 75 anni dalla fondazione. Ma data la situazione, il cda ha cancellato l’evento.
Tanto più che da qualche anno la giornata rappresentava anche l’occasione di incontro tra soci del Gruppo, manager e clienti nel mondo, dal Messico alla Russia e dalla Spagna alla Romania, dove si trovano i siti produttivi della multinazionale veronese. L’importo che sarebbe servito a coprire le spese organizzative sarà invece devoluto alla Fondazione di ricerca per le malattie del cervello, BrfVr, a favore dell’acquisto di apparecchiature e di una borsa di studio per il reparto di Neurologia dell’Aoui, Azienda ospedaliera universitaria integrata cittadina. © RIPRODUZIONE RISERVATA

You might also like